Come sturare un lavandino

Come sturare un lavandino

Un problema che può verificarsi all’interno di un’abitazione è quello dello scarico lento. 

Sarà capitato a tutti di notare il lento defluire dell’acqua mentre ci laviamo le mani, i denti o quando siamo in doccia. Quando ci accorgiamo che l’acqua non scorre più come dovrebbe, molto probabilmente lo scarico è ostruito.

Come sturare un lavandino? La disostruzione di un tubo è una di quelle operazioni che periodicamente andrebbe effettuata anche quando effettivamente non serve, ma semplicemente per prevenire la completa otturazione.

Solitamente l’intasamento dei lavandini, dei lavelli e degli scarichi in generale è dovuto a sporcizia, capelli, e residui dovuti al grasso dei cibi e al calcare. 

COME FARE

Le strade da percorre possono essere due:

  • possiamo optare con una soluzione meccanica quale il classico sturalavandino a ventosa. Qualora non lo aveste già in casa, vi consigliamo un eventuale acquisto.
  • Se questo non dovesse essere sufficiente procuratevi uno strumento da idraulico come la molla a spirale sturatubi.

Qui da ferramenta Conca d’Oro potete acquistarlo in base alla lunghezza che più si addice alle vostre necessità:

abbiamo molle a spirale da 2,50 m. – 3,50 m. – 7,50 m. – 10 m.

La seconda opzione è l’utilizzo di disgorganti liquidi quali: l’acido solforico, la soda caustica o l’acido tamponato disgorgante.

  • L’acido solforico e la soda caustica sono due liquidi incolore e inodore, di consistenza oleosa, estremamente potente, corrosivi e ustionanti da utilizzare con estrema cura.
  • L’acido tamponato è un acido ad azione controllata composto da acido solfammico e prodotti che fungono da tensioattivi emulsionanti. È un acido che ha un’azione più controllata e per molti aspetti è più sicuro, meno nocivo e di più facile utilizzo.

Ovviamente per una maggior sicurezza personale, l’utilizzo di questi prodotti andrebbe effettuata indossando i DPI (dispositivi di protezione individuale) che potete acquistare presso la nostra sede.

Dispositivi quali:

  • Mascherina
  • Guanti
  • Occhiali Protettivi

Nell’utilizzo di questi potenti corrosivi fate sempre attenzione ad evitare il contatto con oggetti in acciaio. Utilizzare un imbuto per evitare che l’acciaio annerisca è un’ottima soluzione!!

Se ancora non siete riusciti a risolvere il vostro problema, provate a munirvi di uno strumento professionale per idraulici come la pistola a pompa sturatubi ad alta pressione.

Lascia un commento

×